Crea sito

‘Not of an age but for all time’ Shakespeare nella letteratura per l’infanzia

Recensioni CriticaSu Ticonzero un  testo critico di Francesco Piccirilli e Irene Sabetta sulla rubrica aperiodica R/C – Recensioni e critica

 

27. ‘Not of an age but for all time’ Shakespeare nella letteratura per l’infanzia

 

 

 

Predizioni scientifiche in contesti sociali

Contributi

Su Ticonzero un articolo e una informativa di Alessandro Vespignani sulla rubrica aperiodica Articoli di Autori Vari

 

 

79. Predizioni scientifiche in contesti sociali (sintesi)

Gli Oscar dei “luoghi”

Disegno e immagine

Su Ticonzero un nuovo articolo di Ghisi Grütter sulla rubrica aperiodica Disegno e immagine

 

29. Gli Oscar dei “luoghi”

 

 

 

Tor di Valle e il Piano paesaggistico della Regione Lazio

Ma la Regione Lazio cosa ha da dire sull’area di Tor di Valle e sui vincoli previsti dal Piano Territoriale Paesaggistico (PTPR)? Non è un semplice arbitro ma parte in causa, avendo adottato un PTPR, proposto in via definitiva dalla Giunta regionale poco meno di anno fa. Ricordo ciò che molti non sanno o fanno finta di non sapere: per legge i Piani paesaggistici sono sovraordinati a tutti gli altri strumenti di governo del territorio, quindi anche una variante ad un Piano regolatore non può modificarli. Lo so che l’andazzo da rapina degli ultimi decenni ha spesso ignorato la norma con interpretazioni burocratiche micidiali per il territorio e per la qualità urbana o ignorandola tranquillamente grazie a coperture politiche. Ma la norma è stata ribadita più volte dalla Corte Costituzionale e dalle sentenze.

Da una semplice occhiata alla planimetria del PTPR si vede il gran pasticcio che viene fatto nella vecchia e nuova (e per ora quasi sconosciuta) versione del progetto, travolgendo tranquillamente vincoli e prescrizioni. Persino l’ansa del Tevere sulle due rive è vincolata dai punti panoramici: e non si dirà che i soppressi tre grattacieli non avrebbero apportato. Poi il rendering del nuovo progetto, a quanto è dato di capire dalle immagini diffuse, asfalta con i parcheggi grandi porzioni di Paesaggio naturale di continuità, che è vincolato.

Per non parlare di tutto il resto. Mi spiace per Marino, l’ex sindaco, ma di speculazione di tratta ora e di speculazione si trattava anche nel progetto approvato dal suo Consiglio comunale; in quest’ultimo lo scambio era tra infrastrutture e speculazione in grande (i tre grattacieli). Il punto è che se lo stadio si deve fare, quella è l’area meno indicata dal punto di vista dell’interesse pubblico; e certo, la più indicata dal punto di vista dell’interesse privato.

Tor di Valle  

 

 

 

 

Verde intenso = Paesaggio naturale

Verde più chiaro = Paesaggio naturale di continuità

Giallo= Paesaggio naturale agrario e paesaggio agrario

Rosa = Paesaggio dell’insediamento storico diffuso

Azzurro chiaro = Paesaggio degli insediamenti in evoluzione

Righe orizzontali = fascia di rispetto dei corsi d’acqua

Righe diagonali blu= Aree di visuale

Righe verticali = strade

Rettangoli freccia arancioni = punti panoramici

Estratto del PTPR della Regione Lazio

La Città/Museo della scienza a Roma: una storia infinita

01

Su Ticonzero un nuovo testo di Luigi Campanella sulla rubrica aperiodica Comunicare scienza

 

35. La Città/Museo della scienza a Roma: una storia infinita

Ticonzero news n. 71 febbraio 2017

Frontespizio

Clicca sull’immagine [ctrl+click]

Comunicare scienza

01

Su Ticonzero nuovi testi di Luigi Campanella sulla rubrica aperiodica Comunicare scienza

 

34. La carta ♦ L’atmosfera urbana

 

 

 

Donne. Racconti al femminile

prescelta

Su Ticonzero una recensione di Anna Maria Curci sulla rubrica aperiodica Il cielo indiviso

 

11. Donne. Racconti al femminile

Autorità e Libertà – Giustizia e Legalità

SceltaSu Ticonzero un testo di Gennaro Iannarone sulla nuova rubrica aperiodica Educazione alla legalità

 

1. Autorità e Libertà – Giustizia e Legalità

La nuova “Nutriceutica”

Scienza e Arte

Su Ticonzero un testo di Paolo Manzelli sulla rubrica aperiodica Scienza e Arte

 

56. La nuova “Nutriceutica”